Le emozioni e le relazioni

Le emozioni e le relazioni

Le emozioni e le relazioni

Il percorso di prosocialità per tutte le classi vuole offrire a bambini adeguate opportunità di esplorazione ed elaborazione dei loro mondi emozionali e relazionali. A tal proposito in continuità con la progettualità del Kindergarten verrà attivato il progetto “The zones of regulation”.

Tale progetto si propone di aiutare i bambini a capire le proprie emozioni, insegnando loro le diverse ”zone” dei sentimenti, differenziate per colore:

– zona blu: stanchezza, sonnolenza, noia, tristezza
– zona verde: calma, prontezza, felicità, attenzione, soddisfazione
– zona gialla: eccitazione, ansia, nervosismo, sorpresa, preoccupazione, senso del ridicolo
– zona rossa: furia, rabbia, collera, perdita di controllo.

Utilizzando queste zone, i bambini  potranno comunicare con più facilità il proprio mondo interiore, imparare a regolare emozioni e comportamenti in modo sempre più autonomo e potenziare le doti empatiche attraverso la comprensione della zone in cui si trovano le persone intorno a loro.

Inoltre si focalizzerà l’attenzione sull’importanza dei legami significativi e di come essi influiscano sulla crescita emotiva di ogni bambino.

Attraverso metodologie differenti quali le zone di colore, il gioco, la parola, le drammatizzazioni e le fiabe, gli alunni saranno guidati nel processo di alfabetizzazione alle emozioni che consiste nell’imparare a riconoscere, esprimere e gestire in modo sempre più empatico le emozioni principali.

Nelle classi quarta e quinta il programma prevede in aggiunta l’introduzione del tema del corpo. Notiamo sempre più spesso una anticipazione delle manifestazioni relative alla pubertà e all’adolescenza, per questo è importante che i bambini abbiano uno spazio di riferimento scolastico all’interno del quale porre ogni dubbio o domanda e nel quale costruire la possibilità di dialogare anche tra pari. L’oggetto delle lezioni sarà il risultato dell’intreccio di due fondamentali tematiche: le trasformazioni del corpo e le relazioni. L’obiettivo del percorso sarà poter riflettere insieme sulle difficoltà, gli imbarazzi e le emozioni che l’incontro con l’Altro suscita in una fase in cui il corpo inizia a cambiare.